La Onlus

logo JPG

Subito dopo che Emanuele ci ha lasciati, alcune mamme del paese in cui è vissuto (Scoppito – AQ) propongono di acquistare, in sua memoria, un nuovo gioco per il parco giochi del paese.

E così, cerca che ti ricerca, scopriamo che, oggi, il diritto di giocare non vale per tutti…

Alcuni bambini (quelli speciali come Emanuele, per intenderci) non possono giocare assieme ai loro amici perché una carrozzina o un qualunque altro ostacolo lo impediscono.

E così tutto appare subito chiaro: apriamo una ONLUS affinché si possa giocare tutti insieme, indipendentemente dalla diversità di cui ciascuno di noi è portatore!

copertina2Ma come chiamare questa ONLUS?

Volevamo che il suo nome ci parlasse di Emanuele ma che non fosse una cosa solo sua.

Un nome che lasciasse trasparire il suo messaggio, non un suo “copyright” o un diritto di proprietà.

Insomma, un nome senza il suo nome.

L’essenza della sua vita: UNA STORIA FELICE!

La sua più grande eredità per ciascuno di noi…